News

Notizie dall'Italia, dal mondo e dalle nostre strutture con protagonisti gli animali.

06 aprile 2022

Secondo carico per Kj2 partito da Verona!

Arrivato secondo carico a Kiev per Cisternino e partito da Verona oggi carico di 16 tonnellate di aiuti per gli animali e per le persone dell’Ucraina.
Mentre è stato consegnato ieri a nord di Kiev, all’italiano Andrea Cisternino, il secondo carico di aiuti inviati da Enpa e dalla Sioi nella lunga e difficile missione istituzionale del Ministero degli Esteri e dell’Enpa in collaborazione con Comitato UnitiPerLoro con la Sioi e con la ong ucraina SaveUkraine.City, è partito stamattina da Verona un altro carico di 16 tonnellate di aiuti Enpa per gli animali e per le persone dell’Ucraina. Cibo (rigorosamente veg), pet food, farmaci, prodotti per la persona, acqua per profughi, rifugi, per Andrea Cisternino, per altri volontari che, nonostante la guerra, continuano a prendersi cura degli animali. “Con questo invio – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa - siamo arrivati a 149 tonnellate di aiuti inviati mentre sono 142 gli animali di cui ci prendiamo cura in Italia. Anche questo carico andrà in Polonia e sarà poi distribuito a cura della ong nostra partner SaveUkraine.city seguendo canali già sperimentati con successo”.
Andrea Cisternino gestisce il rifugio per animali Kj2 Italia e due settimane fa aveva lanciato un appello perché sia le persone che gli animali non avevano né cibo né acqua. Solo che in quel periodo la zona intorno al rifugio di Cisternino era occupato dai russi ed era impossibile entrare o uscire. Per tutti la consegna di ieri è stata una piacevole sorpresa perché in realtà l’invio era previsto per il 7 aprile a causa del coprifuoco imposto dalle autorità ucraine per consentire lo sminamento di strade, terreni e infrastrutture. Invece il coprifuoco è stato revocato e prontamente la ong SaveUcraine.City, partner di Enpa in Ucraina, si è recata al rifugio con due furgoni carichi prevalentemente di pet food. La consegna è stata effettuata dal capo missione dell’organizzazione nella zona di Kiev, Volodja, con un Andrea finalmente sereno.

05 aprile 2022

SaveUkraine.city

Come è nata e cosa fa la ong partner di Enpa in Ucraina

In trenta giorni di lavoro ha aiutato più di 70.000 persone, distribuito 1200 tonnellate di aiuti umanitari in tutta l’Ucraina, ospitato migliaia di profughi in transito a Leopoli e in Polonia. SaveUkraine.city è l’ong nostra partner che ha avuto (e ha) un ruolo decisivo nella delicata e pericolosa missione di invio degli aiuti a Kiev a Andrea Cisternino e ai suoi animali.
È nata sotto i bombardamenti russi per la necessità di aiutare i civili: nelle prime ore della guerra in Ucraina, con il bisogno di fare qualcosa di concreto e di immediato, l’imprenditore di Lviv Martyn Kovalko ha riconvertito la sua attività logistica dedicandola esclusivamente alla distribuzione degli aiuti e all’accoglienza. Così è nata SaveUkraine.city. Con due hub in Polonia, la ong ha il suo principale centro di distribuzione a Lviv e hub a Kiev, Zaporizhia, Dnipro e Kharkiv, da dove gli aiuti umanitari raggiungono i punti più caldi. Ma già prima dell’incontro con Enpa, SaveUkraine.city aveva e continua a avere attenzione anche per gli animali: “Sin dall’inizio, in ogni spedizione, abbiamo sempre inserito almeno un bancale di pet food”, ci spiega Martyn.
Per conoscere meglio l’attività di SaveUkraine.city e per sostenere SaveUkraine.city visitate il sito di ENPA nazionale alla sezione "Buoni esempi".

05 aprile 2022

“La parola è un animale”

Un libro per i più piccoli svela le storie dei nomi degli animali

“La parola è un animale / con un'anima e una tana: / più tu cerchi di stanarla, / più ti sfugge, si allontana", recita una delle filastrocche che compongono “La parola è un animale”. Le autrici - Irene Paganucci, dottoressa di ricerca in Sociologia e poetessa, e Arianna Papini, scrittrice, artista e arte terapeuta e premio Andersen 2018 come miglior illustratrice - prendono per mano i lettori e insieme a loro si mettono in cammino per vivere un viaggio stupefacente "dentro" le parole: con la poesia e con immagini accattivanti svelano le storie che ogni vocabolo ha in sé, il significato recondito, la magia, spiegando l'etimologia con semplicità. Se il mostro ha qualcosa da mostrare, il salmone corre all'indietro e la libellula "pesa" l'aria; l'uovo invece è una stanza, il bradipo ha il piede lento mentre l'armadillo indossa un'armatura come vestito: non è solo un albo illustrato ma soprattutto uno spassoso "bestiario etimologico" quello che Irene Paganucci e Arianna Papini costruiscono per i lettori più piccoli nel loro libro "La parola è un animale", pubblicato da Edizioni Gruppo Abele.
Protagonisti sono gli animali (tutti sorridenti e umanizzati con gonne, t-shirt, cardigan e maglioni) e ovviamente il modo in cui li chiamiamo: il libro infatti racconta la storia antica delle parole e rende queste ultime un gioco, una scoperta, una fonte di meraviglia rivelandone i segreti nascosti.
Pensato per permettere ai bambini di imparare la realtà volando al tempo stesso con la fantasia, il volume, scritto in carattere ad alta leggibilità EasyReading Dyslexia-Friendly, è capace di stupire e divertire pagina dopo pagina. E l'uomo che posto ha in questa storia infinita e affascinante? Neanche a dirlo ce lo spiega l'origine del vocabolo: "umano" deriva dalla parola latina humus, "terra", per questo ha il diritto di stare insieme a tutti gli esseri viventi. Accanto però, non sopra per prevaricarli. E le autrici alla fine non mancano di ricordarlo, ai piccoli così come ai grandi, ovviamente in poesia: "Ora è il turno dell'umano, / fa il padrone tra i mortali. / Ma dimentica che è terra, / animale tra animali."

02 aprile 2022

Arrivati gli aiuti ENPA al rifugio Kj2!

Enpa: “Grande soddisfazione!”

“Il rifugio Kj2 Italia di Andrea Cisternino a Kiev ha finalmente ricevuto i nostri aiuti. È finito un incubo per gli animali e per le persone. Siamo felici per l’esito di una missione lunga, difficile e rischiosa che ha richiesto impegno, passione e lucidità.” Lo ha dichiarato la Presidente Nazionale dell’Enpa, Carla Rocchi commentando l’esito di una iniziativa istituzionale del Ministero degli Esteri e dell’Enpa.
Andrea, cittadino italiano che a Kiev ha fondato il rifugio per 400 animali circa, con lo scoppio della guerra ha deciso di non abbandonare i suoi ospiti: cani, gatti ma anche animali da fattoria e cavalli. Ma presto l’area attorno al rifugio è stata occupata dall’esercito russo e da quel momento è stato impossibile rifornirsi di cibo e acqua per animali e persone. Mentre le scorte stavano per esaurirsi, Andrea ha lanciato un appello che Enpa ha immediatamente accolto.
“Ci siamo attivati immediatamente per rispondere alla disperata richiesta di aiuto – aggiunge Rocchi – e in due giorni abbiamo organizzato la missione per l’invio di ben dodici tonnellate di beni per animali e per le persone: pet food, farmaci, trasportini, accessori per animali ma anche acqua potabile, cibo in scatola, pasta, riso e articoli per la persona”.
Una missione complessa e articolata nella quale il ruolo dell’Unità di Crisi della Farnesina è stato fondamentale, di grandissima competenza e anche appassionato. Preziosissimo anche l’apporto del Comitato UnitiPerLoro e della Sioi.
Partita dall’hub Enpa di Verona il 23 marzo scorso, la missione ha avuto il primo step a Olkusz, in Polonia, e da lì a Leopoli e infine alla periferia di Kiev. Ma per giorni non è stato possibile completare l’“ultimo miglio”, cioè i pochi chilometri tra l’hub di SaveUkraine (ong nostra partner in loco) e il rifugio di Andrea Cisternino. Il territorio intorno era infatti sotto il controllo russo e non era permesso entrare o uscire.
Anche in quei giorni è stato importante il lavoro del nostro Ministero degli Esteri, che ha tentato di trattare l’apertura di un corridoio ad hoc nell’impossibilità di far arrivare aiuti tramite – ad esempio – la Croce Rossa ucraina. E in attesa di un corridoio, l’esercito ucraino ha riconquistano 16 municipalità tra cui quella in cui si trova il rifugio. Il giorno prima eravamo riusciti a far passare tre piccole statole di farmaci richieste da Cisternino.
“Desidero -conclude Rocchi - ringraziare l’Unità di Crisi del nostro Ministero degli Esteri e in particolare il suo Capo Nicola Minasi, le Ambasciate d’Italia in Ucraina e in Russia, la Sioi e il suo presidente Frattini, il Comitato UnitiPerLoro e in particolare i due portavoce Anna Raimondi e Riccardo Laganà e infine la ong SaveUkraine.city (in particolare Martyn Kovalto) che ha con efficacia garantito la logistica e le relazioni in zona di guerra. Desidero ringraziare Andrea per il sacrificio e per la sua grande testimonianza di amore per gli animali che non poteva lasciare Enpa indifferente.”

01 aprile 2022

CANI ADOTTATI - Marzo 2022

Raul, Celtic, Bibo, Ronnie, Azzurra, Buck adozione del cuore, Poldo, Wendy, bellissima Nina, simpatico Baldo, Hank. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 aprile 2022

GATTI ADOTTATI - Marzo 2022

Piccola Marghe, Spirit, Mimi, Otis e Simba FIV positivo. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 aprile 2022

BIRBETTA

Questa bella micina ci racconta la sua storia

"Ciao a tutti! Io sono Birbetta e sono la gattina che quando va a dormire la sera sorride. Sorrido perché grazie all'ENPA sono stata felicemente adottata. Purtroppo all'inizio della mia vita è stata un po' dura per me perché sono stata operata alla pancia, e come se non bastasse mi hanno diagnosticato la leucemia felina. Ma non mi sono abbattuta! Ora ho 2 piccoli padroncini che mi fanno giocare fino ad essere stanca e una mamma ed un papà che non mi fanno mancare tutto l'amore dì cui ho bisogno. Perfino il dottore mi ha detto che sto benissimo!!! Perciò vi dico: non aspettate ancora, ci sono tanti altri miei amici che vi aspettano al rifugio e che sicuramente non vedono l'ora di addormentarsi col sorriso proprio come me! GRAZIE ENPA..."

28 marzo 2022

FIDATI!

Se avete punti Esselunga che non utilizzate o scegliete di donarli agli ospiti dei rifugi ENPA Verona, questo è il numero di tessera sul quale potete "girare" punti (non meno di 100 e in multipli di 100). Potete farlo in negozio al Punto Fidaty o al chiosco digitale oppure con la app Esselunga. Con 3.000 punti potremo acquistare pappe per 27 euro! Sappiamo che siete in tanti... ma passate parola ad amici, parenti, conoscenti.. piu' siamo.. piu' aiutiamo! Grazie!!

23 marzo 2022

National Puppy Day

Enpa svela il linguaggio dei cani in un piccolo vademecum

In occasione del National Puppy Day, giornata americana dedicata ai cuccioli ma ormai adottata in tantissime parti del mondo, l’Ente Nazionale Protezione Animali ha creato un piccolo video vademecum sul linguaggio dei cani per imparare a comunicare sempre meglio con i nostri amici a quattro zampe. Cosa ci vogliono dire quando alzano una zampa o si grattano testa o naso? Siamo davvero sicuri che se scodinzolano vuol dire sempre che sono felici? Quali sono i segnali a cui fare attenzione per capire che il nostro cane sta vivendo un momento di disagio? In un piccolo video Westie, la megadirettrice di “Amici Cucciolotti”, ci svela i tanti messaggi nascosti dietro la postura dei nostri “cuccioli” di tutte le età.
“Lo scorso anno l’Ente Nazionale Protezione Animali ha dato in adozione 22.383 cani. La scelta di accogliere un cucciolo – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa – è sempre una decisione da prendere sì con il cuore ma anche con tanta testa e razionalità per essere pronti ad affrontare le tante sfide e responsabilità che questi meravigliosi piccoli esserini ci presentano. Imparare a capirli meglio è sicuramente uno sforzo che tutti dovremmo fare quando decidiamo di accogliere un nuovo membro della famiglia. Per questo Enpa organizzerà nei prossimi mesi degli eventi insieme alle famiglie adottanti per apprendere meglio il linguaggio dei cani ed avere quindi una migliore comunicazione con loro”.
Quante volte si sente dire che al cane manca solo la parola? In realtà il nostro amico a quattro zampe comunica usando il suo corpo, il suo sguardo e la sua voce come noi. Fondamentale per una buona comunicazione è imparare ad interpretare i suoi movimenti del corpo. Abbassare le orecchie, muovere la coda, leccarsi il naso, mettersi a pancia all’aria, voltare la testa, sono tutti modi diversi per comunicare emozioni e intenzioni. Ecco quindi qualche consiglio per capire meglio i cuccioli di ogni età:

Leccarsi il naso: se li vediamo intenti a leccarsi il naso ripetutamente ci stanno mostrando un disagio, osserviamo attentamente e cerchiamo di capire cosa non va.
La coda: la coda ci dice tante cose: se la tengono alta e dritta sono sul chi va là e si stanno chiedendo cosa succede oppure sono arrabbiati. Se la tengono bassa tra le zampe sono decisamente preoccupati.
Scodinzolare: e` in genere un segno di felicità ma attenzione non sempre, se lo fanno molto velocemente potrebbe essere un segnale di agitazione o stress.
Le orecchie: sono tese in avanti? Vogliono dire a tutti che sono sicuri di loro o che sono arrabbiati.
Sono dritte come delle antenne? Vogliono dirci: “dimmi tutto, sono attentissimo”. Se invece le mettono indietro potrebbero avere paura o sentirsi insicuri.

“Adesso lasciami stare, ho da fare!”: quando gli chiediamo qualcosa e lui annusa il pavimento, non è distratto ma ci sta dicendo di lasciarlo stare perché non ha voglia di fare quello che gli abbiamo chiesto.
“Coccolami!”: quando si mette su un fianco ci sta chiedendo di fargli le coccole.

Pancia all’aria
Quando il cane si mette a pancia all’aria può voler dire:
- “Sono felice!”: in questo caso scodinzola e apre la bocca per farci capire che è felice
- “Ho paura!”: in questo caso invece ha le zampe un po’ raccolte, la bocca rimane socchiusa e la coda è ferma e il nostro cane ci sta chiedendo di non fargli del male e sta comunicando che ha paura.

“Non so cosa fare!”: quando un cane si trova in difficoltà o non sa cosa fare alza la zampa oppure inizia a grattarsi, un po’ come capita anche a noi che quando dobbiamo risolvere un problema ci grattiamo la testa o il naso.
“Giochiamo!”: quando ci fa un inchino, con un sorriso aperto, la coda scodinzolante e un movimento laterale vuole dirci che non vede l’ora di giocare con noi.
“Lasciami stare!”: quando un cane è molto agitato, ha il pelo dritto, le orecchie tesissime e la coda sollevata e vibrante è importante evitare di guardarlo dritto negli occhi, non va accarezzato e non bisogna allungare le mani verso di lui. Tutti questi segnali, infatti, indicano che vuole essere lasciato stare.

08 marzo 2022

Cuccioli arrivati dall'Ucraina

ENPA VR: Stanno bene!

Dopo la prima notte passata al Rifugio Enpa di Verona, arrivano i primi aggiornamenti sullo stato degli 8 cuccioli prelevati dalla Lav al confine con l’Ucraina e accuditi dai volontari Enpa della Sezione di Verona.
“I cuccioli stanno tutti molto bene – afferma Romano Giovannoni, Presidente della Sezione Enpa di Verona – sono affamati ma non denutriti. Hanno passato benissimo la notte al caldo e mangiano con voracità. Domani verranno visitati dalla Asl che ci comunicherà il protocollo sanitario da seguire”.
“Importante la sinergia e la condivisione che si è creata tra due associazioni animaliste, la Lav che ha prelevato i cani al confine con l’Ucraina e li ha portati in Italia con la loro autoambulanza, a Verona, Enpa che ha accolto i cuccioli nel suo rifugio e se ne prenderà cura e il Comune di Verona che sosterrà le spese di mantenimento dei cuccioli. Un progetto andato a buon fine che speriamo sia solo il primo di tanti altri”.

07 marzo 2022

Accolti 8 cuccioli dall`Ucraina

Dal rifugio a Beregszasz al Rifugio Enpa di Verona

"Hanno fatto un lungo viaggio e ora sono stremati ma al sicuro presso il rifugio dell’Enpa di Verona, curati e coccolati dai volontari e dagli operatori Enpa. Sono i primi cani recuperati da un rifugio ucraino a Beregszasz, al confine con l’Ungheria, grazie al coraggio di volontari ucraini che li hanno portati fino in Ungheria. Qui sono stati presi in carico dai volontari della Lav che li hanno portati in Italia con una loro autoambulanza. Ora gli otto cuccioli sono arrivati presso il Rifugio della Sezione Enpa di Verona.
“Sono stanchi per il lungo viaggio e ancora un po’ impauriti – afferma Romano Giovannoni, presidente della Sezione Enpa di Verona - ma li abbiamo accolti nel nostro Rifugio e ora saranno visitati dalla nostra veterinaria, direttrice sanitaria del Rifugio Joana Ogiolan. Per loro si è mosso anche il Comune di Verona che si è detto disponibile a sostenere le spese. Domani aspettiamo la Asl che controllerà la documentazione per capire il protocollo sanitario da seguire. Al massimo tra 40 giorni i cuccioli saranno adottabili. Cercheremo per loro le più amorevoli famiglie. Siamo emozionati di poter dare il nostro contributo e pronti ad accogliere come Enpa tutti gli altri animali profughi che arriveranno. Enpa c’è”.
Ieri invece la Sezione Enpa di Treviso ha accolto Bonia, una gattina tigrata arrivata dall’Ucraina. E’ fuggita dal conflitto insieme alla sua famiglia e rimarrà ospite presso la Sezione Enpa di Treviso in attesa che la sua famiglia si sistemi. “E’ arrivata un po’ spaesata, spaventata – afferma Valentina dell’Enpa di Treviso – ma ora è al sicuro e si sta acclimatando. Siamo molto contenti di ospitarla qui e poter dare il nostro contributo in questa drammatica situazione”.
“Lavoriamo in stretto contatto con il Ministero della Salute- afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa - e siamo pronti con la nostra rete italiana di rifugi canili e gattili ad accogliere gli animali per l’osservazione sanitaria obbligatoria, di intesa con le asl locali. Il Ministero riceve direttamente dai posti di frontiera della Polonia, l’Ungheria e la Romania le segnalazioni di presenza di animali al seguito di rifugiati diretti in Italia”.

01 marzo 2022

GATTI ADOTTATI - Febbraio 2022

Clyde, Mariolino e Sally adozione di coppia, Linda, abbraccioso Ludo, Sissi, Olly, Connor, Zelda e Kocis. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 marzo 2022

CANI ADOTTATI - Febbraio 2022

Funky, Bonnie, simpatico Philippo, Diego, Dodo`, Robin, Melody, baffone Otello. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 marzo 2022

AMICI CUCCIOLOTTI

Da marzo “Amici Cucciolotti” sarà nei rifugi Enpa, negli ospedali, nelle scuole e nei banchetti, Centinaia di migliaia gli album con la prima bustina di figurine che verranno regalati ai bimbi di tutte le età.
A partire da oggi i volontari Enpa di 85 sezioni in tutta Italia regaleranno centinaia di migliaia di album “Amici Cucciolotti” con la prima bustina di figurine. L’iniziativa è stata ideata e voluta dall’editore Dario Pizzardi che con la sua casa editrice Pizzardi Editore pubblica ogni anno la collezione di figurine Amici Cucciolotti. Fino al 2020 l’album omaggio veniva distribuito davanti alle scuole, ma nel 2021, per evitare assembramenti e salvaguardare la salute di tutti l’editore ha scelto di interrompere questa “tradizione”. Per il 2022 ha pensato di dare un valore aggiunto: far regalare l’album anche dai volontari Enpa, che per i bambini sono dei veri Supereroi. Lo scopo è quello di promuovere le visite presso i rifugi dell’ente per far incontrare i bambini accompagnati dalle loro famiglie, o le classi guidate dai loro insegnanti, con i trovatelli accuditi amorevolmente dagli instancabili volontari.
Quest’anno, però, gli “Amici Cucciolotti” non animeranno solo i rifugi Enpa. Tante le iniziative messe in campo dalle sezioni dell’Ente Nazionale Protezione Animali per sensibilizzare i bambini all’amore e al rispetto degli animali e dell'ambiente. E così la Squadra degli Amici Cucciolotti, capitanata da Westie, porterà tutta la sua allegria e il suo mondo a colori anche negli ospedali di Roma, Caserta, Ispica (Ragusa), Milano, Frosinone, Napoli e Manfredonia (Foggia) insieme ai volontari Enpa e all’associazione di clown “Teniamoci per Mano Onlus” che anima le strutture sanitarie. Gli album con la prima bustina di figurine verranno regalati anche ai bambini che parteciperanno ai workshop organizzati con la collaborazione di Enpa in occasione della mostra “Animals” di Steve McCurry presso la Palazzina di Caccia di Stupinigi (Torino) ma anche a molti alunni delle scuole materne ed elementari che hanno aderito alle iniziative Enpa. Inoltre, ad ogni bambino che parteciperà alle iniziative con Amici Cucciolotti, l’Enpa regalerà una matita eco green con dei semini e un messaggio: “Aiutaci a far crescere la nostra missione! Pianta questa matita e abbi cura di lei come simbolo dell’amore e del rispetto che puoi seminare intorno a te. Insieme possiamo cambiare il mondo!”
“Ringrazio l’Enpa e tutti i Volontari – afferma Dario Pizzardi – per aver aderito con entusiasmo e partecipazione a questa grande iniziativa. Visitare un rifugio Enpa fa bene al cuore, perché si entra in un luogo in cui l’amore per gli animali diventa impegno quotidiano e il rispetto verso i più deboli si trasforma in aiuto concreto. Amici Cucciolotti dal 2007 è orgogliosamente al fianco dei Volontari per aiutare insieme a loro gli animali.”
“Gli Amici Cucciolotti – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa - riempiono da sempre le ciotole dei nostri trovatelli e aprono la mente e il cuore delle bambine e dei bambini verso le altre creature che, come loro, hanno diritto alla vita, al rispetto e alla cura”.

14 febbraio 2022

Il koalino e la bambina

Progetto ENPA "Letture d`affezione"

“Il koalino e la bambina”, online gratuitamente il primo racconto del progetto “Letture d’affezione” dell’Enpa.
Si tratta di dieci racconti, dieci voci, dieci storie in cui si raccontano gli animali e in alcuni casi sono gli animali stessi che si raccontano.
Una al mese, per le lettrici e i lettori, di ogni età, che popolano il nostro mondo e che troverete sul sito di Enpa e, alla fine dell’anno, in un piccolo volume, in cui ogni storia sarà accompagnata da un’illustrazione.
Cura, affetto, responsabilità verso il mondo dei cani e dei gatti e di tutti gli animali, con uno sguardo al clima che cambia, provocando disastri, di cui solo un animale è responsabile: l’uomo. Si consiglia la lettura collettiva e - perché no? - ad alta voce con i grandi e piccoli volontari e attivisti dell’Enpa. E si chiede di fare lo stesso, di raccogliere altre storie e di raccontarle, in un lungo racconto collettivo.
Si parte oggi, giorno di San Valentino, con “Il koalino e la bambina” di Nina e Giuseppe Civati. L’illustrazione è di Claudia Piras.

01 febbraio 2022

CANI ADOTTATI - Gennaio 2022

Lino adozione del cuore, timida Louise, Hector, timidissima Laila, Melampo, simpatica Peppa, Topolino, Lulu`, Yaco, Slander, Miele, Bob, Cooper, Tea, Pingu, Ryan, piccolo Thiago, Clyde. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 febbraio 2022

GATTI ADOTTATI - Gennaio 2022

Pericle, Oliver e Garcia adozione di coppia, Luisa, Nerino, Birba, Zues, Sally, Tina, Big, Ares, Esmerlanda, Marlene e Leyla. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 gennaio 2022

CANI ADOTTATI - Dicembre 2021

Piccolo Rudolph, Feuer, Daisy, Ariel, bellissimo Rex, bellissima Liz, meraviglioso Ricky, scatenato Bobby, Carrie, CArolina, simpatica Oriella, Lisette e timida Toffee. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

01 gennaio 2022

GATTI ADOTTATI - Dicembre 2021

Olivia, Olga, Costanza, Jolie, Cassy e Beauty, Ginger, Carry e Mango. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto!

25 gennaio 2022

DIVENTA VOLONTARIO!

Ti piacciono gli animali? Vuoi dare il tuo contributo in una piccola ed entusiasta comunità?
Allora sei la persona che stiamo cercando!
Cosa significa essere un volontario di Enpa Sezione Verona?
Le nostre attività principali sono dedite alla premurosa cura degli animali ospiti nelle nostre strutture.
Si tratta quindi di nutrirli, accudirli e mantenere puliti e ordinati canile e gattili, in modo che i nostri amici possano vivere in ambienti sani e protetti finchè non vengono adottati.
Ma non solo questo!
La nostra associazione si occupa anche di organizzare eventi e iniziative volti alla raccolta di cibo e fondi da devolvere ai nostri amici a quattro zampe. Ad esempio cene di Natale, aperiEnpa, Enpa in Love, Tattoo Day, esposizione di banchetti informativi nelle piazze della città, raccolte di cibo in negozi e supermercati, e molto altro ancora.

Per ulteriori informazioni scrivici all'indirizzo verona@enpa.org