News

Notizie dall'Italia, dal mondo e dalle nostre strutture con protagonisti gli animali.

AMICI CUCCIOLOTTI 2021

16 Gennaio 2021

A Gennaio in edicola la nuova raccolta di figurine che aiutano gli animali

ATTENZIONE: l’album di quest’anno dev’essere maneggiato con cura, perché è ELETTRIZZANTE! Sfogliandolo scoprirai tante curiosità sull’energia degli animali e sull’incredibile regno vegetale e ti caricherai di ENERGIA CUCCIOLOTTA, la forza più potente dell’universo che si trasmette da cuore a cuore e che permette di migliorare il mondo.
LA COLLEZIONE È COMPOSTA DA 492 FIGURINE + 72 CARTOLOTTE® FANTASY + 12 MINI-STICKERS CON LETTERE, NUMERI E LE DIVERTENTI EMOTICON DEGLI AMICI CUCCIOLOTTI.

Quando il successo di un prodotto editoriale è il frutto della passione di chi l’ha creato e coincide con il suo sogno più grande, diventa l’espressione di un sogno collettivo che si realizza grazie al contributo di tutti i sognatori.

È questa “connessione con il cuore” che distingue dalle altre la collezione di figurine Amici Cucciolotti, la più amata d’Italia!

Dietro al marchio delle “figurine che salvano gli animali” c’è la storia di un editore italiano che nel 2007 crea un nuovo prodotto editoriale capace di coinvolgere milioni di bambini e le loro famiglie in grandi iniziative di solidarietà a favore degli animali bisognosi di aiuto.

Per realizzare il suo innovativo “progetto sociale” l’editore Dario Pizzardi ha scelto fin dall'inizio l’ente di protezione animali più adatto: quello più radicato sul territorio, con migliaia di volontari che ogni giorno, con la loro assoluta dedizione, garantiscono il benessere di decine di migliaia di animali abbandonati accudendoli con cura e competenza.

Pizzardi Editore sostiene l’infaticabile lavoro quotidiano dei volontari richiedendo all’ente di protezione animali di dimostrare che gli aiuti erogati siano utilizzati a reale beneficio dei trovatelli, tutto ciò a garanzia del benessere degli animali e nel rispetto dei milioni di collezionisti che ogni anno contribuiscono con empatia e generosità alle iniziative di solidarietà promosse da Amici Cucciolotti.
Dal 2007 ad oggi, i volontari della protezione animali hanno potuto disporre di indispensabili strumenti per soccorrere e accudire, sempre meglio, gli oltre 30.000 animali che, ogni anno, approdano nei loro rifugi in tutta Italia.

Per vedere il CIOTOLOMETRO e tutte le curiosità sul mondo Amici Cucciolotti clicca sul seguente link:

Diamo i numeri! Adozioni ENPA VR anno 2020

01 Gennaio 2021

Come ogni anno è arrivato il momento per la nostra Sezione di tirare lo somme!!
Nonostante l’anno appena concluso sia stato un vero e proprio anno da dimenticare sotto molti punti di vista, fortunatamente le adozioni nei nostri rifugi non ne hanno risentito.

E allora diamo i numeri:

- 252 cani adottati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020
- 152 gatti adottati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020

Per un totale di 404 anime che hanno trovato casa e famiglia!

Non possiamo che essere entusiasti di un simile risultato in un anno così difficile e ringraziare ogni singolo adottante, perché per ogni animale adottato se ne è potuto accogliere e accudire un altro bisognoso.

Un immenso GRAZIE anche a tutti i nostri volontari, senza i quali tutto questo non sarebbe possibile!

CANI ADOTTATI - Dicembre 2020

31 Dicembre 2020

Agata, Mina, Liebe, Zara, Black, Jonathan, Edgar, Laika, Marte, Ian, Nala, Nutella, Gas, Mambo, Zefiro, Scary, Sansone, Eagle, Ray, Toti, Flash, Flo. Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto.

Audiolibro gratuito "Un cucciolotto da amare"

30 Dicembre 2020

Consigli per accogliere in famiglia un nuovo amico a quattrozampe

Un cucciolotto da amare - Consigli per accogliere in famiglia un nuovo amico a quattrozampe” diventa un audiolibro distribuito gratuitamente su www.enpa.it, perché l’adozione consapevole è la migliore forma di prevenzione dell’abbandono.
Pubblicato e distribuito gratuitamente in 50.000 copie nel 2017 da Pizzardi Editore, di questo libro educativo nato con l’intento di divenire un utile strumento formativo arriva ora l’edizione in audiolibro letto da un grande amico degli animali: l’attore Massimo Wertmuller. Le musiche originali sono di Enrico Giaretta.

“Questo libro nasce dalla volontà dell’editore Pizzardi, che da sempre con Enpa diffonde educazione e cultura per l’accoglienza degli animali”, ha dichiarato la presidente dell’Ente Nazionale Protezione Animali, Carla Rocchi. E’ un lavoro – i testi sono di Giusy D’Angelo per il Centro Comunicazione e Sviluppo Enpa – destinato innanzitutto ai bambini, ma anche ai genitori: “Un cucciolotto da amare” offre informazioni semplici e utilissime per accogliere un animale domestico nelle migliori condizioni possibili, per comprenderlo, per rispondere ai suoi segnali e ai suoi bisogni, per accudirlo, per amarlo e per essere amati.

Per andare direttamente alla pagina dedicata clicca sul link sottostante.

Fuochi di artificio e animali

31 Dicembre 2020

I consigli di Enpa per proteggerli a Capodanno

Sembra proprio che neanche la pandemia, il lockdown e tutte le limitazioni di movimento previste dal Dpcm per contenere la diffusione del Covid19 abbiano fermato i botti illegali, almeno a giudicare dalla quantità di notizie di sequestri di fuochi che stanno uscendo in questi giorni, l'ultima questa mattina: 200 chili di 'botti' illegali sequestrati a Cagliari dalla Polizia di Stato. Per questo l'Ente Nazionale Protezione Animali ha stilato una serie di consiigli da seguire per aiutare i nostri animali a vivere al meglio questo momento così traumatico per loro. Il 45% dei cani, infatti, quando sente i fuochi di artificio mostra segni di paura, atteggiamenti di ansia, panico o fuga. Ma cosa può succedere davvero ai nostri animali? Cosa possiamo fare o non fare per aiutarli?
Cosa puoi fare prima e durante la notte di Capodanno?
-Innanzitutto verificare che il microchip del pet sia leggibile dal veterinario.
- È anche una buona idea attaccare una medaglietta di identificazione al collare.
- Assicurati che la tua casa e il tuo giardino siano il più possibile a prova di fuga.
- Assicurati che tutte le porte e le finestre siano chiuse saldamente.
- Se possibile, controlla che il tuo cane non abbia accesso alle porte che conducono all'esterno, specialmente quando le persone entrano o escono da casa.
- Proteggi eventuali vie di fuga nel vostro giardino, per ogni evenienza, e assicurati che tutti in casa sappiano che devono essere veloci per aprire e chiudere
Come mantenere il cane sicuro e calmo durante i fuochi d'artificio? I consigli della esperta cinofila Enpa, Giusy D’Angelo
-Tienilo dentro: anche se il tuo cane trascorre la maggior parte del suo tempo all'aperto, portalo dentro durante i fuochi d'artificio. Questo gli impedirà di fuggire quando si sente spaventato, il che può metterlo in pericolo.
-Crea uno spazio sicuro: se il tuo cane è abituato alla cuccia, rendi disponibile la sua cuccia, poiché probabilmente è già uno spazio sicuro per lui. Altrimenti, mettilo in un bagno o in un'altra piccola stanza con musica classica ma ancor meglio sarebbe usare audiolibri, è stato dimostrato che ascoltare la voce umana con una corretta cadenza induce i cani a regolare respirazione e battiti cardiaci o rumori neutri per aiutare a soffocare il boom dei fuochi d'artificio. Arricchisci la sua stanza con oggetti che creino un ambiente tridimensionale dove lui può mostrare il suo bisogno. Mettersi sopra la cuccia, nascondersi sotto le coperte o afferrare un gioco può farlo sentire maggiormente a proprio agio. Puoi incrementare il benessere attraverso gli odori per cui, oltre a contaminare la stanza con odori che conosce e lo rende sicuro, aggiungi odori nuovi che stimolino un’attività olfattiva mirata alla serenità.
-Prova un cappotto aderente: avvolgenti, gilet.

GATTI ADOTTATI - Dicembre 2020

31 Dicembre 2020

Eugenia, Santina, Heart, Mao, e 5 cuccioli.
Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto.

GATTI ADOTTATI - Novembre 2020

01 Dicembre 2020

Linus, Shirley, e 11 cuccioli.
Auguriamo ai nostri amici e alle loro nuove famiglie una lunga vita di complicità e affetto.

Iva ridotta su alimenti e cure per gli animali

29 Dicembre 2020

Primo passo alla Camera: accolto ordine del giorno

A Montecitorio, nella seduta dedicata all’approvazione della legge di bilancio, il governo ha accolto un ordine del giorno firmato da Michela Vittoria Brambilla, impegnandosi a valutare l’opportunità di portare al 10 per cento l’Iva sugli alimenti per animali e sulle prestazioni veterinarie. Il corrispondente emendamento, presentato dall’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, era stato bocciato dalla maggioranza in commissione Bilancio.

«Restiamo convinti – afferma Brambilla – degli obiettivi che ci eravamo prefissi: ridurre gli oneri fiscali indiretti sui proprietari di animali d’affezione e stimolare la ripresa rafforzando una delle filiere più dinamiche e resilienti dell’economia, quella della cura e dell’alimentazione dei milioni di animali che vivono nelle case degli italiani. Sono proposte - aggiunge la deputata di FI - che meriterebbero di essere seriamente considerate non solo come strumento per stimolare la ripresa, ma soprattutto quale concreta applicazione del principio “one health” di cui da tempo l’Organizzazione mondiale della Sanità si fa portavoce. Abbiamo imparato sulla nostra pelle - conclude Brambilla - che la salute pubblica è una sola, umana e animale. Sarebbe ora di trarne le conseguenze anche dal punto di vista fiscale».

Veterinari: "No ai cibi delle Feste per gli animali"

29 Dicembre 2020

In aumento i ricoveri per intossicazione

La tentazione è irresistibile. Anche per i nostri amici a quattro zampe. La cosa fa sorridere, a volte ci intenerisce anche al punto che siamo noi stessi che sotto il tavolo magari offriamo agli animali di famiglia un boccone preso dal nostro piatto.

Se è comprensibile l’amore con cui si fa questo gesto è però bene sapere che il nostro cibo, soprattutto quello super condito ed elaborato che stiamo mangiando in questo periodo, per gli animali può essere molto pericoloso e a volte anche letale.

Lo stomaco degli animali, infatti, è molto delicato e diverso da quello degli esseri umani. Ci sono dei cibi che gli umani mangiano quotidianamente che per gli animali, soprattutto cani e gatti, possono causare vomito, diarrea e alcuni di questi, tipo il cioccolato, portare anche alla morte. L’allarme arriva dai veterinari che in questo periodo di feste hanno visto aumentare esponenzialmente ricoveri di animali con chiari segni di intossicamento o gastroenteriti dovute all’assunzione di cibi sbagliati.

Ovviamente ciò non significa che dare un bocconcino della nostra pasta o un pezzetto di carne a nostro cane o gatto, porti sicuramente al ricovero, fino ad una ventina di anni fa infatti, gli animali venivano nutriti con gli avanzi del cibo umano, ma questo li portava a vivere meno e ad ammalarsi più frequentemente. Per questo, così come la medicina per gli umani ha fatto passi da gigante, anche per quanto riguarda gli animali vari studi hanno portato al perfezionamento degli alimenti, che non sono da considerare un vezzo, ma un vero e proprio modo per farli rimanere in salute e a lungo con noi. È quindi importante parlare con il veterinario per farsi consigliare i migliori e far in modo che nonostante le "richieste", mangino soltanto quelli.

Per avere un’idea più chiara su cosa evitare, ecco una lista di cibi “dannosi” per gli animali che è importante ricordare.
Cibi da evitare:
Cioccolato e caffè
Partiamo da questi perché sono in assoluto i più pericolosi per cani e gatti, che invece, soprattutto di cioccolato ne sono ghiotti. In questi è presente la teobromina che causa avvelenamento e vari disturbi intestinali anche gravi. Nel cioccolato e nel caffè è anche presente la metilxantine una sostanza che provoca diarrea e vomito nei casi più leggeri ma porta anche a casi di avvelenamento tremori e alterazioni del ritmo cardiaco. Sono quindi assolutamente vietati in qualsiasi forma anche nel gelato, ciambelloni, dolci vari o tazzine di caffè lasciate incustodite che vengono poi leccate dagli animali.

Latte e latticini
Al contrario di quello che si può pensare, soprattutto per quanto riguarda il gatto associato sempre ad una ciotola di latte, questo è un alimento sbagliato che può provocare vomito, diarrea e vari problemi digestivi. Questo perché gli animali soprattutto in età adulta, diventano intolleranti al lattosio. Il cane è molto più delicato in questo senso, in quanto a partire dai due anni di vita hanno una bassa concentrazione di lattasi, ovvero l'enzima che permette di digerire il lattosio.

Dolci
Anche se ne sono golosi, i dolci di ogni genere che siano industriali o anche realizzati in casa, sono assolutamente da evitare perché possono provocare insufficienza epatica.

Cibi salati
Il sale in eccesso può causare negli animali problemi a livello di fegato ed ipertensione per cui, anche se adottate un’alimentazione casalinga, (da stabilire prima con il veterinario) fatta ad esempio di pollo o pesce cucinato in casa, evitate assolutamente di aggiungere sale. Gli alimenti di per sé contengono sodio, banalmente siamo noi umani che siamo stati abituati da secoli ad aggiungerlo.

Pesce crudo
Anche questa regola sembra quasi un controsenso soprattutto per quanto riguarda il gatto, in realtà il pesce crudo risulta altamente tossico e può portare ad un’insufficienza di vitamina B che provoca convulsioni e porta addirittura al coma. Un’intossicazione da pesce crudo può anche portare ad un ingrossamento dei linfonodi.

Alcool
Come il cioccolato e il caffè, l’alcool è un alimento molto pericoloso per gli animali. Anche in piccolissime quantità provoca dissenteria e problemi epatici gravi. Inoltre si sono verificati casi di difficoltà respiratoria, tremori e coma. Ovviamente può sembrare "curiosa" l’idea di somministrare alcool agli animali ma questo può capitare anche per bicchieri lasciati incustoditi sul tavolo. Chi ha un gatto e un cane in casa, conosce bene la velocità con cui questi animali riescono ad afferrare le cose, soprattutto quando si tratta di cibo.

Carne e uova
Questi sono alimenti permessi (sempre da concordare prima con il veterinario) da usare però in piccole quantità e ben cotti perché possono portare ad episodi di salmonella ed escherichiacoli.

Frutta fresca
Se il veterinario concede una piccola quantità di frutta, ad esempio un pezzetto di mela se l’animale lo gradisce è importante controllare che non ci siano semi che possono provocare occlusioni intestinali. Da evitare l’uva perché può causare insufficienza renale.

Frutta secca
Anche la frutta secca è da evitare perché molto grassa e può quindi provocare diarrea e insufficienza renale. Da bandire assolutamente l’uva sultanina.

Aglio e cipolla
Questi sono due alimenti tossici, da evitare quindi anche in caso di assunzione tramite sugo o carne che li contengono. Possono causare la rottura dei globuli rossi perché contengono una sostanza che porta gravi patologie come l’anemia.

Aceto e limone
Per sfortuna questi sono due alimenti fortemente sgraditi agli animali soprattutto ai gatti, ma bisogna fare attenzione all’ingestione accidentale magari mescolati ad altri alimenti, perché possono portare a problemi allo stomaco come vomito o diarrea.

Lievito
Altro alimento nocivo, quindi assolutamente da evitare anche negli alimenti che lo contengono perché porta ad una dilatazione gastrica.

Patate e avocado
Due alimenti che possono sembrare innocui per gli animali, le patate soprattutto, mentre invece sono da evitare perché possono portare intossicazioni soprattutto se ingerite in grandi quantità. L’avocado in particolare contenendo la persina risulta un alimento estremamente tossico.

Un cucciolo per Natale

22 Dicembre 2020

Suggerimenti per accogliere il nuovo amico

L’arrivo di un amico a 4 zampe è sempre fonte di gioia, un nuovo compagno che presto diventerà a tutti gli effetti un membro della famiglia. Con l’avvicinarsi del periodo natalizio vi è un aumento della presa in affido di animali domestici da compagnia per svariati motivi: un’adozione del cuore presso un canile o un gattile, il regalo di un cucciolo da parte di un parente o un amico, un’adozione a fini terapeutici.
I nostri cani e gatti (e non solo) non sono soltanto creature da compagnia, ma compagni di vita e validi “assistenti medici”, in grado di aiutarci a raggiungere una migliore salute fisica e psicologica.

Il termine pet-therapy indica una serie complessa di utilizzi del rapporto uomo-animale in campo medico e psicologico. Numerosi studi, condotti negli anni, hanno dimostrato che il contatto con un animale, oltre a garantire la sostituzione di affetti mancanti o carenti, è particolarmente adatto a favorire i contatti inter-personali offrendo spunti di conversazione, di ilarità e di gioco, l’occasione, cioè, di interagire con gli altri per mezzo suo.
L’animale può svolgere la funzione di ammortizzatore in particolari condizioni di stress e di conflittualità e può rappresentare un valido aiuto per pazienti con problemi di comportamento sociale e di comunicazione.

Pertanto nei bambini con particolari problemi, negli anziani e in alcune categorie di disabili fisici e psichici il contatto con un animale può aiutare a soddisfare determinati bisogni e recuperare alcune abilità che queste persone possono aver perso.
Attualmente viene considerata sempre più importante ed efficace la presenza di animali negli ospedali.
E’ doveroso sottolineare l’importanza delle adozioni presso i canili e i gattili, contribuendo attivamente ad “alleggerire” i rifugi quasi sempre saturi e dando ai nostri piccoli amici la possibilità di una vita felice, di una casa e una famiglia che li ami e li tuteli.

Dunque, qui di seguito, un insieme di suggerimenti per una convivenza felice tra uomo e animale:

1. La scelta di vivere con un pet è impegnativa e deve essere ponderata con responsabilità; è necessario essere consapevoli che si sta prendendo un impegno a lungo termine e che accogliere un pet implica la disponibilità a prendersene cura per tutta la durata della sua vita.

2. La scelta del pet non deve essere guidata solamente da questioni di estetica o dalle pressioni della moda. E’ importante scegliere “con la testa”, verificare che le esigenze dell’animale siano in linea con lo spazio abitativo, lo stile di vita e le esigenze della famiglia in cui verrà accolto.

3. Sia che si tratti di un’adozione che di un acquisto, è importante accertarsi che l’animale non provenga da traffici illegali o da allevatori improvvisati.

4. Identificare l’animale d’affezione a norma di legge, le regole variano a seconda dell’animale, ad esempio nei cani è obbligatorio il microchip mentre nei gatti è facoltativo. Pertanto è dovere del proprietario registrare i propri animali d’affezione nei registri stabiliti, fornendo tutti gli aggiornamenti su eventuali passaggi di proprietà, trasferimenti, decessi ecc.

5. Garantire una corretta assistenza sanitaria per l’intera vita dell’animale con il supporto di un medico veterinario. E’ fondamentale sviluppare un rapporto di fiducia e di collaborazione con uno specialista per il costante monitoraggio dello stato di salute del proprio amico a 4 zampe.

6. Educare i pet a situazioni “sociali”, ovvero alla convivenza con altri animali e altre persone.

7. Imprescindibile è il rispetto degli altri e degli spazi. E’ dovere del proprietario evitare rumori molesti, raccogliere le deiezioni, prevenire disagi o problematiche che il pet potrebbe arrecare ad altre persone, animali ed all’ambiente.

8. E’ importante per il benessere del pet fare esercizio fisico e fornire stimoli mentali adeguati all’età, alla razza e allo stato di salute.

9. Buona salute e lunga vita dipendono, in buona misura, dall’alimentazione e dalle cure mediche. La scelta di un’appropriata alimentazione e i consigli del Veterinario sono una garanzia di benessere per il proprio animale.

10. Il proprietario deve essere sempre pronto a gestire gli imprevisti che potrebbero arrecare danno all’animale o a chi interagisce con lui. Un ultimo importante suggerimento è quello di valutare la stipula di una polizza assicurativa per il proprio pet.

STOP al commercio di specie esotiche e selvatiche

23 Dicembre 2020

Con l’obiettivo di prevenire salti di specie di virus da animali selvatici a umani, la Commissione politiche europee della Camera approva il disegno di legge di delegazione europea che, su proposta Lav, vieterà import, commercio e detenzione di animali selvatici e esotici. La Commissione, approvando il testo senza modifiche, ha fatto salvo anche l'impegno normativo dato al Governo, approvato dal Senato in prima lettura grazie a un emendamento di Loredana De Petris, capogruppo LeU, di emanare nei prossimi mesi un decreto legislativo che preveda «misure restrittive al commercio di animali, affiancate da un sistema sanzionatorio adeguato ed efficace, tra cui uno specifico divieto all'importazione, alla conservazione e al commercio di fauna selvatica ed esotica, anche al fine di ridurre il rischio di focolai di zoonosi, nonché l'introduzione di norme penali volte a punire il commercio di specie protette».

Il 21 aprile prossimo, infatti, entrando in vigore il Regolamento europeo 2016/429 relativo «alle malattie animali trasmissibili e che modifica e abroga taluni atti in materia di sanità animale», l'Italia è chiamata a rendere efficace la norma comunitaria, anche per una concreta prevenzione della diffusione di virus e zoonosi animali agli umani, per non ricadere negli stessi errori che hanno portato alla nascita e alla diffusione di tante epidemie e pandemie, come Sars, Mers e Covid19. «L'approvazione di questa Legge alla Camera rappresenta un passo avanti che ci porterà a quello che potrebbe essere un cambiamento epocale nel nostro Paese - afferma la Lav - è ciò che da tempo stiamo chiedendo nel nostro Manifesto ''Non torniamo come prima'' per sconfiggere e scongiurare quello che è ormai chiaramente per tutti una delle sfide dell'umanità e del Pianeta, le pandemie».

I doni da parte di "L'arca di pelo lindo"

20 Dicembre 2020

I nostri sentiti ringraziamenti

Un sentito ringraziamento alla toelettatura "L'ARCA DEL PELO LINDO" (Via Centro, 126, 37135 Verona) per la raccolta di articoli per i nostri ospiti.
L'emergenza sanitaria ha compromesso la possibilità alle associazioni Onlus (come Enpa) di organizzare eventi e campagne volti alla raccolta di materiale e fondi necessari per svolgere le normali attività, con tutte le conseguenti, inevitabili, problematiche; è quindi dal più profondo del cuore che ringraziamo le persone e le aziende che si sono prodigate finora per sostenerci nella cura e nell'assistenza dei nostri piccoli amici, con questi grandi gesti di generosità, altruismo e amore.

CAMBIO ORARIO DI APERTURA DEI RIFUGI

20 Dicembre 2020

I nuovi orari a seguito del Decreto del 18/12

In seguito del Decreto governativo del 18/12, si avvisano i gentili utenti che i Rifugi ENPA (Rifugio di Via E. Barsanti 19/B e Oasi felina Via II Traversa Spianà) saranno chiusi al pubblico nei giorni dichiarati zona rossa:
24-25-26-27-31 Dicembre
1-2-3-5-6 Gennaio.

Per tutti gli altri giorni resta valida la visita su appuntamento chiamando lo 0458511018 dal lunedì al sabato dalle ore 14:00 alle 17:00.

Animali e farmaci ad uso umano

19 Dicembre 2020

Una proposta per autorizzarne la prescrizione e ridurne i costi

Nella legge di bilancio, come spesso succede, vengono inseriti emendamenti di vario tipo. Tra le norme che dovrebbero essere votate dalla commissione Bilancio della Camera da oggi, c'è un emendamento che chiede la possibilità di somministrare agli animali domestici i farmaci che hanno lo stesso principio attivo di quelli utilizzati per gli esseri umani.

Al momento, per le cure veterinarie devono essere usati farmaci specifici, che costano molto di più di quelli umani. Eppure è capitato a molti proprietari di animali di sentirsi consigliare dal veterinario di farsi prescrivere le medicine per l'ipertiroidismo del gatto dal proprio medico di famiglia, per spendere meno. Le associazioni animaliste in queste ore hanno fatto sentire la loro voce, sottolineando che soprattutto in un momento economico così difficile per tanti si tratterebbe di un provvedimento in grado di aiutare i proprietari di cani e gatti, ma non solo.

L'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) sottolinea infatti: "Chiediamo al ministro della Salute, Roberto Speranza, alle sottosegretarie Sandra Zampa e Simona Malpezzi e ai relatori Stefano Fassina e Marialuisa Faro di dare parere positivo in Commissione Bilancio. Sarebbe un regalo di Natale alle famiglie e ai volontari che amano e accudiscono cani, gatti, conigli, furetti". "Il randagismo è combattuto ogni giorno da chi adotta un animale dai canili e dai gattili e dai gestori dei rifugi", osserva il presidente dell'Oipa, Massimo Comparotto rilevando che "nelle more di qualche amministrazione pubblica che non gestisce a dovere questa piaga sociale, appare davvero iniquo continuare a penalizzare chi adotta un animale o ne ha cura nelle strutture di ricovero o nelle colonie feline. Il legislatore ora ha la possibilità di colmare una lacuna e, in attesa di un abbassamento dei prezzi della sanità animale, potrebbe vantaggiosamente consentire ai veterinari di prescrivere farmaci equivalenti a uso umano, molto meno onerosi".

La deputata Pd Patrizia Prestipino, che ha presentato l'emendamento, scrive su Facebook: "Dopo tre anni di miei tentativi che si infrangevano contro un muro, finalmente i deputati Pd e la maggioranza tutta hanno fatto quadrato intorno al mio emendamento, però, dopo giorni di interlocuzione con il ministero della salute e l'Aifa, a brutto muso il servizio veterinario del Ministero dà parere contrario al mio emendamento". "Non so chi vincerà questo braccio di ferro senza fine dice Prestipino -, però sia chiaro che io non mi fermo. E non sono sola. Perché mi sono vicine tante associazioni animaliste e dei consumatori, e anche tanti colleghi che hanno capito l'importanza sociale di questo provvedimento".

Inaugurata l’autostrada per animali

17 Dicembre 2020

La più lunga degli USA

Si chiama Robert LB Tobin Land Bridge. Il nome forse non dice nulla ma negli Usa potrebbe aiutare molti animali selvatici a salvarsi. E’ la più grande “autostrada” per la fauna selvatica degli Stati Uniti e contribuirà a proteggere scoiattoli, coyote, procioni e cervi.
E’ stata inaugurata nei giorni scorso a San Antonio, in Texas, il Land Bridge, il ponte della salvezza per molti animali che collega il Phil Hardberger Park di San Antonio attraverso un’autostrada a sei corsie. Un progetto iniziato dieci anni fa ma ora finalmente portato a compimento.

L’11 dicembre scorso il ponte è stato inaugurato diventando ufficialmente il più grande attraversamento naturalistico del suo genere negli Stati Uniti.

“Per molti anni, il Robert LB Tobin Land Bridge è stato solo un sogno. Grazie all’incredibile sostegno della comunità, alla generosità dei donatori di tutta la città e al duro lavoro e alla dedizione di tanti, ora è realtà “, ha detto l’ex sindaco di San Antonio Phil Hardberger in un comunicato stampa della città di San Antonio Parks and Recreation.

L’idea del ponte è emersa per la prima volta nel 2010, prima ancora dell’apertura del Phil Hardberger Park di San Antonio. I progettisti sapevano che il parco sarebbe stato diviso in due dalla Wurzbach Parkway, mettendo a rischio gli animali. Spesso infatti gli animali tentavano di attraversare l’autostrada ma trovavano la morte.

“Recuperando l’habitat naturale sopra la Wurzbach Parkway, il Land Bridge collega le metà precedentemente divise del Phil Hardberger Park di 330 acri nel centro nord di San Antonio. Il progetto è stato finanziato tramite donazioni private e il programma di obbligazioni della città di San Antonio 2017-2022 approvato dagli elettori” si legge nel comunicato.

Il Land Bridge è progettato per il passaggio in sicurezza sia di persone che di animali ed è il più grande attraversamento per la fauna selvatica costruito fino ad oggi negli Stati Uniti. Oltre a ricollegare habitat frammentati, è stato dimostrato che gli attraversamenti riducono significativamente gli incidenti che coinvolgono i veicoli e gli animali.

Che siano sopra o sotto le strade appaiono come una soluzione efficace a questo problema sin da quando la Francia ne ha costruito il primo negli anni ’50.

“Ci uniamo alla Phil Hardberger Park Conservancy per celebrare l’apertura del Robert LB Tobin Land Bridge. Il Land Bridge collega le persone con la natura nel cuore di San Antonio. Non vedo l’ora di guardare il paesaggio crescere e maturare con alberi e piante autoctone e osservare la fauna selvatica attraverso le tende progettate da artisti locali. Il ponte è un risultato straordinario “, ha affermato il sindaco Ron Nirenberg.

Ma intanto gli animali che popolano il parco di 130 ettari potranno usare il ponte evitando le pericolose strade: scoiattoli, coyote, lucertole, procioni e cervi vivono in quest’area e purtroppo spesso hanno trovato la morte. Le squadre di costruzione ne hanno già osservato alcuni che utilizzavano il ponte prima della sua apertura ufficiale.

Nei prossimi mesi verrà completata anche la Skywalk dell’Hardberger Park, una passerella sopraelevata che sale dolcemente attraverso le cime degli alberi ecollega i pedoni con il Land Bridge.

Selvaggina stremata per neve record

16 Dicembre 2020

Appello agli escursionisti: "Non disturbate camosci e galliformi"

Le grandi nevicate degli ultimi giorni hanno indotto molte persone ad inforcare sci e ciaspole e ad effettuare escursioni in montagna e nei boschi innevati.
Queste attività, secondo gli esperti, possono rappresentare un pericolo ed una particolare fonte di stress per la selvaggina già in difficoltà a causa della spessa coltre nevosa, mette in guardia l'Ufficio caccia e pesca della Provincia di Bolzano.
Gli animali selvatici che non vanno in letargo, come i caprioli o i cervi, o quelli delle specie più propriamente alpine come i camosci o i galliformi, sopravvivono ai rigori invernali riducendo il loro metabolismo e muovendosi il meno possibile, alternando brevi spostamenti per procurarsi il nutrimento a lunghi periodi di riposo.
Se nel luogo da essi prescelto per lo svernamento viene attivato un fattore di disturbo, gli animali selvatici si spaventano e fuggono. Ciò comporta - informano gli esperti - un notevole stress ed uno spreco di preziosa energia, che non tutti riescono a recuperare, potendo nutrirsi solamente di cibo con ridotto contenuto energetico. Per questa ragione è importante che gli escursionisti rimangano lungo i sentieri, le strade forestali o comunque su percorsi segnati. I cani, inoltre, devono essere sempre tenuti al guinzaglio, ed è consigliabile evitare le zone dove la neve si sta sciogliendo o che ne sono prive in quanto particolarmente ricercate dagli animali selvatici.

Giornata Mondiale Volontariato 2020

5 Dicembre 2020

Scendete in campo con noi, diventate volontari, donate tempo e amore!

Da oltre 150 anni, ogni giorno sul campo per proteggere gli animali. In occasione della Giornata Mondiale del Volontariato 2020 l’Ente Nazionale Protezione Animali ricorda l’importanza del lavoro dei volontari di ogni comparto e lancia un invito a tutte le persone che sentono di voler dare il loro contributo a scendere in campo e abbracciare il mondo del volontariato. “Mai come in questo momento, in una situazione di tale portata, – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa - il volontariato è essenziale per sostenere tutti i comparti. Il volontariato è la speranza di futuro. Per noi la giornata del volontariato è ogni giorno e la festeggiamo tutto l’anno attraverso l’impegno, la generosità, la caparbia e l’amore dei nostri oltre 2000 volontari. Quest’anno poi, attanagliati da questa terribile emergenza sanitaria, abbiamo voluto mandare un messaggio forte per sostenere a 360 gradi le tante famiglie con animali che stanno attraversando enormi difficoltà. Per questo, in occasione di questa celebrazione, lanciamo un appello per sostenere le associazioni, tutte, e invitare quante più persone a scendere in campo in prima persona, immergendosi nel mondo del volontariato.”

Santa Lucia in anticipo per i nostri ospiti!

11 Dicembre 2020

Ringraziamo GardaLanding e Balzoo per i doni inaspettati

Una delle pagine più liete del volontariato è scoprire la generosità e la gentilezza che persone e aziende sono in grado di dimostrare quando si tratta della cura e del benessere dei nostri amici a 4 zampe.
Il diario di oggi delle nostre strutture racconta dei preziosissimi regali che abbiamo ricevuto da parte di Gardalanding e Balzoo, inclusi circa 140kg di mangime, 100 cappottini, 250 tra collari pettorine/guinzagli/museruole e accessori vari.
Nelle foto potete vedere la nostra volontaria intenta a scaricare il furgone praticamente pieno.

I più sentiti ringraziamenti da parte di tutta la sezione e degli ospiti pelosi vanno a coloro che hanno partecipato a quasta donazione in un momento tanto critico come quello che stiamo vivendo: mai come quest'anno abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti!
Un grazie anche a Denise che da qualche anno, a Dicembre, organizza la raccolta che aiuta noi ed anche altre associazioni

Giornata Mondiale Diritti degli Animali 2020

10 Dicembre 2020

Enpa, come sempre, in difesa degli animali

Giornata Mondiale Diritti degli Animali 2020.
Ogni giorno, 7 interventi dell’Ufficio legale Enpa in difesa degli animali.
Enpa: “Tutelare diritto alla salute. Chiediamo aliquota unica al 10% per prestazioni veterinarie, medicinali e alimenti per animali

Si celebra oggi la Giornata mondiale dei diritti degli animali. Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa: Non cala il numero di animali maltrattati nel 2020. Dal 1 gennaio al 31 ottobre 2020 l’attività operativa svolta dal Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari Carabinieri su maltrattamenti di animali ha portato: 541 reati di maltrattamento di animali perseguiti, 161 illeciti amministrativi accertati, 215 persone denunciate, 171 sequestri penali eseguiti. Aumentano i concorsi di bellezza canina e le denunce di tagli di orecchie e code a fini estetici. Sempre più numerosi i casi di maltrattamento degli uccelli da richiamo e in aumento il traffico illegale da animali da compagnia, soprattutto su internet. Questo il bilancio tracciato in occasione della Giornata Mondiale per i diritti degli animali dall’Ente Nazionale Protezione Animali, analizzando denunce, sentenze, processi e attività legali Enpa del 2020. Oltre 7 interventi dell’ufficio legale Enpa nazionale al giorno per un totale di 2555 consulenze in meno di un anno e 162 atti. Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa: “Uccisioni, maltrattamenti, detenzioni incompatibili, traffico illegale di animali. Il grande lavoro del nostro ufficio legale, ed in particolare dell’avvocato Claudia Ricci, scatta una fotografia ancora in bianco e nero sui diritti degli animali, ancora troppo spesso vittime di crimini e violenze. In questa giornata dedicata ai diritti, diritti umani ma anche diritti degli animali, abbiamo scelto di fare una richiesta semplice, concreta, fattibile: abbassare l’aliquota per le prestazioni veterinarie (oggi al 22%) e per gli alimenti per gli animali da compagnia (oggi al 22%). Lo avevamo già fatto qualche settimana fa sottoscrivendo l’appello al Governo promosso dalle Associazioni Anmvi, Fnovi, Simeveo, Enpav, Assalco, Assalzoo, Aisa, Ascofarve. Torniamo a chiederlo oggi perché è inconcepibile che il diritto alla salute degli animali debba essere considerato un lusso. Sono numerosissime le famiglie che si rivolgono alla nostra Associazione perché non ce la fanno economicamente a prendersi cura dei loro quattro zampe. Solo con Rete Solidale Enpa abbiamo donato alle famiglie che si sono rivolte a noi oltre 200 mila euro di cibo, 100 mila euro per le spese veterinarie e 200 mila euro di medicinali. E’ ora di riconoscere il sacrosanto diritto di un animale di essere curato ed alimentato abbassando l’aliquota unica al 10%”.
E la Giornata Mondiale per i Diritti degli Animali è anche l’occasione per fare un bilancio
Sono ancora troppi gli animali che nel 2020 sono morti avvelenati, uccisi con armi da fuoco, trascinati fino alla morte, soppressi da cuccioli o vittime di caccia illegale. Per uccisione di animali solo l’ufficio legale Enpa ha presentato 23 denunce, seguito 19 processi in corso e assistito a 3 sentenze nel 2020. Anche sul fronte dei maltrattamenti il dato relativo ai procedimenti seguiti da Enpa non è incoraggiante: 41 denunce, 27 processi, e 13 condanne. In particolare, aumentano le denunce di tagli di orecchie e code a fini estetici, per lo più eseguiti in animali che partecipano a concorsi di bellezza, molto popolari nel nostro Paese. Sempre più numerosi i casi di maltrattamento degli uccelli da richiamo, uno dei reati sugli animali più diffusi dei nostri tempi. Gli interventi delle Guardie zoofile Enpa hanno scoperchiato una realtà davvero inquietante che vede migliaia di uccelli vittime di sofferenze atroci. Basti pensare che solo in provincia di Vicenza almeno centomila animali sono ingabbiati per tutta la vita, costretti a vivere in una spazio minuscolo che non gli permetterà neanche di aprire le ali, spesso in mezzo ad escrementi e acqua putrida. Aumenta anche il numero delle detenzione incompatibili che ora, grazie alla giurisprudenza, vengono considerati nel 90% maltrattamento di animali. Tantissimi i casi di accumulatori seriali. Solo in questo 2020 l’Enpa si è presa cura di 1215 animali sequestrati dalle forze dell’ordine per casi di animal hoarding. Infine, aumenta anche il traffico illegale dei cuccioli, soprattutto su internet. Si tratta di un fenomeno molto difficile da tracciare ma che le Forze dell’Ordine hanno riscontrato attraverso in numerosissimi sequestri di animali durante trasporti illeciti.
“Adottate, non comprate. Non ci stancheremo mai di ripeterlo- afferma Carla rocchi, Presidente nazionale Enpa - perché purtroppo, nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione e gli appelli di tutte le associazioni sono ancora troppe le persone che scegliendo di comprare un cucciolo di razza alimentano inconsapevolmente il traffico illegale degli animali. Se poi non potete adottare ma siete amanti degli animali, fatelo a distanza! L’Enpa ha una pagina dedicata alle adozioni a distanza e ha da poco lanciato la campagna Mai più ring per sostenere i cani ex combattenti.”

ENPA SANTA LUCIA

11 Dicembre 2020

Il nostro banchetto presso Portoni Borsari

I classici banchetti di Santa Lucia quest’anno non ci saranno, ma ci è stato concesso di poter essere presenti con il nostro banco informativo e di raccolta fondi presso i Portoni Borsari!!

Saremo presenti:
👉🏻GIOVEDÌ 10
👉🏻VENERDÌ 11
👉🏻DOMENICA 13
⏰ dalle 10:00 alle 17:00
salvo nuove limitazioni regionali o nazionali

⚠️TUTTE LE NORME ANTI-COVID VERRANNO RISPETTATE ⚠️

⛈IN CASO DI MALTEMPO NON SARÀ GARANTITA LA PRESENZA ☔️

E.N.P.A. Sez. Verona (Partita I.V.A. 02125341004)  -  Codice Fiscale 5X1000: 80 116 050 586

Codice IBAN: IT14 E030 6911 7141 0000 0009 243 Istituto bancario "INTESA SAN PAOLO S.P.A."

- Piazza Madonna di Campagna, 18   37132 San Michele Extra (VR) - Intestazione: "ENPA Verona"